Farmacie

Orari Farmacie

Luoghi di Culto

Orario Messe

"Un presepe collettivo", ecco lo slogan e l'appello che la Pro Loco Qualiano Gaudianum lancia ai cittadini in occasione delle imminenti festività Natalizie. Un invito più che esplicito a far uscire i pastori dalle proprie case per giungere, come a Betlemme, alla Villa Comunale di Via Palumbo e prendere nuova casa nello spazio allestito appositamente nell'ingresso della struttura, sulla destra. L'idea nasce da un concetto molto semplice : portare un pastore, una pecorella, un forno a legna, una casetta, una mangiatoia, una lavandaia, un pescivendolo, un pò di neve e tutto quanto faccia 'presepe' come simbolo di pace nel mondo e di unione tra i cittadini che idealmente saranno i custodi, con il loro dono-omaggio, di un gesto dalle infinite sfumature. La locale Pro Loco invita, quindi, tutti, a donare un oggetto, di qualsiasi dimensione, che può aiutare la costruzione e la messa in scena di un presepe che sia, appunto, della collettività, un presepe a cui tutti potranno partecipare, simbolo da sempre di tradizione e cultura, riti antichi e moderni che si ripetono affinchè si vada sempre verso un mondo del 'fare', del 'costruire'. Per dimostrare come anche nel nostro piccolo la comunità si stringa ancora una volta intorno ad una Natività. Per far sì che 'nascere' voglia dire anche 'Ri-nascere' .

Il tutto dal 22 dicembre dalle 18:00 fino alla befana

 

Prima Pagina Libro dal tiglio agli eroi scolpiti del marmoIl volume "Dal tiglio agli eroi scolpiti nel marmo. Genesi di un monumento" a cura di Davide Morgera e Aniello Picascia, edito dalla Pro Loco Qualiano Gaudianum, movendo dai nomi riportati sulle lapidi del monumento consacrato ai soldati rimasti vittime dei due conflitti mondiali, rintraccia la vita dei militi qualianesi chiamati alle armi durante la “Grande guerra”, il contesto e la conformazione della città dell’epoca, correlata agli avvenimenti bellici e politici dell’Italia di inizio novecento fino agli anni '30. Lo sguardo si volge, poi, alla genesi del monumento di Piazza D’Annunzio e ne ripercorre le circostanze e le curiosità legate alla sua costruzione sino al giorno dell’inaugurazione, con immagini inedite ed articoli tratti dalla stampa Nazionale dell’epoca. L’opera  ha lo scopo di conservare la memoria degli uomini che vennero strappati dalla loro vita quotidiana, dalle loro famiglie ed inviati in guerra. Il suo fine è anche quello di riportare, nella giusta rilevanza storica, il monumento che sorge a pochi metri dalla chiesa di Santo Stefano e che è dedicato proprio a chi perse la vita in quei luoghi lontani. Il libro è il frutto di un’intensa attività di ricerca tra gli antichi registri comunali ed emeroteche e all’interno di esso sono ricostruiti gli avvenimenti principali dei vari corpi d’appartenenza dei soldati qualianesi ed alcune delle musiche e delle poesie composte proprio in quegli anni. Tra le pagine è possibile incrociare anche lo sguardo, fissato in una foto/ritratto, di alcuni di quei giovani concittadini che incontrarono la morte sui campi di battaglia a centinaia di chilometri dalle loro case ma anche di chi ritornò vivo da quello 'inferno'. 

La prima presentazione dell'opera alla stampa e al pubblico avverrà il 28 dicembre 2015 alle ore 18 presso la Sala Consiliare del Comune di Qualiano. Dalle nostre pagine facebook vi aggiorneremo sulle date delle successive presentazioni di gennaio 2016. 

 

Il volume è disponibile dal 15 dicembre 2015 in tutte le edicole-cartolerie di Qualiano.

12212042 10208002519011429 1807400174 nLa Pro Loco Qualiano Gaudianum, in occasione della Manifestazione Nazionale indetta dal Telefono Azzurro e denominata "Accendi l'azzurro 2015" che si terrà nei giorni 21 e 22 Novembre prossimi in circa 1200 piazze italiane, si fa promotrice sul nostro territorio di questo evento a carattere nazionale. L'Associazione, nata un anno fa per promuovere tutte le iniziative socio-culturali sul territorio di Qualiano, sarà presente con un proprio stand e materiale informativo, insieme ad altre realtà che operano sul territorio, in Piazza D'Annunzio dalle 9 alle 13 di domenica 22 Novembre per raccogliere fondi e sensibilizzare il pubblico sul problema della tutela dell'infanzia. La novità di quest'anno è la distribuzione delle Casette di Telefono Azzurro Illuminate, un oggetto davvero originale,dal valore fortemente simbolico. Con l'acquisto di questa casetta, molto facile da costruire e suggestiva con la sua illuminazione 'natalizia', si può condividere l'impegno a favore dei bambini, a rispettarli, proteggerli e difenderli, sempre e comunque, soprattutto da violenze psicologiche e fisiche. La Pro Loco di Qualiano ha, però, coinvolto nella manifestazione altre realtà che operano sul territorio al fine di rendere la mattinata una festa dove i bambini siano i protagonisti e gli 'attori' assoluti. A tal fine è stata invitata l'Associazione Casper, una presenza che è sinonimo di 'qualità' per quanto sta facendo ormai da tempo in favore dei bambini. Il responsabile, il sig. Daniele Maffettone è apparso subito entusiasta dell'iniziativa. "I bambini vanno comunque e sempre seguiti, sia quelli che apparentemente non hanno problemi, sia quelli che purtroppo trascorrono interminabili giornate negli ospedali o sono vessati da violenze. Noi già operiamo in tal senso cercando di portare un sorriso a chi soffre ma dando anche serenità a coloro che vivono una vita fatta di massima tranquillità. Siamo molto felici di prendere parte a questa manifestazione nazionale poiché finora avevamo collaborato solo con l'Esercito ed i vari Ministeri. Il Telefono Azzurro è una garanzia per chi sta dalla parte dei bambini e noi cercheremo di farli divertire con la presenza dei nostri personaggi presi dal mondo dei cartoni animati, coi nostri palloncini colorati ed i truccabimbi nonchè con qualche divertente ballo fatto al ritmo di canzoncine gioiose e dirette ad un pubblico di bambini". All'animazione la Pro Loco ha associato anche lo sport, vero volano verso la felicità dei più piccoli. Protagonista assoluto sarà il basket della scuola Audax Gaudianum, un team che lavora tantissimo per portare i ragazzi nelle palestre e far sviluppare lo spirito corporativo che deve essere presente in tutti noi, a partire proprio dalle età pre adolescenziali. Il responsabile della società, il sig. Angelo Castiello, ci ha riferito della sua adesione all'evento con queste parole: " Come associazione ci ha fatto molto piacere essere stati contattati dalla Pro Loco per una così nobile causa visto che la nostra quotidianità è fatta del lavoro con i bimbi. Noi operiamo con bambini che vanno dai 4 ai 10 anni, cercando di insegnare loro le regole, la lealtà, la gioia della vittoria di squadra ma anche ad accettare la sconfitta. Non bisogna mai fare drammi nello sport così come nella vita. Tutti già ci impegniamo a sostenere il Telefono Azzurro e nella mattinata di domenica faremo delle dimostrazioni pratiche con due canestri e percorsi che sicuramente divertiranno i presenti. La nostra missione, anche se a livello sportivo, è in pieno accordo con gli ideali che professano coloro che tanti anni fa hanno dato vita a questa meravigliosa realtà che risponde al nome di Telefono Azzurro". E mentre i bimbi giocheranno e si divertiranno ci sarà anche chi farà loro degli scatti.
Saranno tre fotografi del PhotoClub Partenope, un team molto nutrito che lavora a corsi di fotografia a livello regionale facendo 'formazione' e passeggiate con macchina fotografica al seguito. Come fare arte con questa passione. Abbiamo sentito il presidente, il sig. Salvatore Pagano. "Non è la prima volta che aderiamo ad iniziative del genere, due anni fa abbiamo fatto una mostra per l'Unicef a Napoli raccogliendo anche in quell'occasione dei fondi per i minori. E' la prima esperienza col Telefono Azzurro e siamo entusiasti di essere stati contattati dal Presidente Ricciardiello, sono cose lodevoli, che fanno stare bene sia gli adulti che i bambini, anzi andrebbero fatte sempre più spesso portando messaggi positivi e concreti a chi deve tutelare i più deboli".
“Insieme dalla Parte dei Bambini“, ecco lo spirito della manifestazione il coinvolgimento di altre associazioni è uno degli obiettivi prefissati si da quando è stata fondata la Pro Loco Qualiano Gaudianum, cosi si inizia il nuovo percorso nel sociale della Pro loco commenta il Presidente Giuseppe Ricciardiello: “La Pro Loco è anche Sociale si parte con uno dei più grandi Enti a tutela dei minori, è la prima esperienza di questo tipo, stiamo mettendo il massimo dell’impegno in tutto ciò che facciamo perché Amiamo il nostro Paese, amiamo la nostra Qualiano e amiamo i Bambini essi sono il nostro futuro occorre a noi tutelare la loro felicità, abbiamo realizzato anche un video spot che sta girando sui social (il video è presente su: facebook.com/prolocoqualiano), tante le persone che hanno collaborato per sponsorizzare sempre di più la mattinata festosa davanti alla Chiesa Patrona di Qualiano per la raccolta fondi a favore di telefono Azzurro”. “I bambini sono esseri umani ai quali si deve rispetto, superiori a noi a motivo della loro innocenza e delle maggiori possibilità del loro futuro…” (Maria Montessori).

Leggi tutto: IL TELEFONO AZZURRO E LA SUA CASETTA, UNA LUCE SEMPRE ACCESA PER OGNI BAMBINO


Un anno fa, esattamente il 14 ottobre 2014, nasceva ufficialmente la Pro Loco Qualiano Gaudianum affiliandosi all'U.N.P.L.I. ed entrando nel circuito delle associazioni che operano sul territorio nazionale. Da lì ad un mese avrebbe inaugurato la sede nella storica Piazza d'Annunzio con una conferenza stampa affollata, gioiosa, partecipativa e vogliosa di fare progetti per la rinascita di un territorio dormiente e poco incline a nuove proposte 'culturali'. E' tempo, quindi, di bilanci, di tirare le somme per quanto fatto in un anno. Mesi trascorsi tra incontri, riunioni, telefonate, anche chiacchierate informali, spesso è da qui che nascono le idee più belle, quelle più innovative, quelle che dovrebbero dare uno scossone alla cittadina che, lo scopriremo nei prossimi mesi, ha una sua Storia precisa, definita e a suo modo importante.

Leggi tutto: 1 anno di Pro Loco

DAL 3 AL 17 MAGGIO 2015 UN VIAGGIO AFFASCINANTE NELL'OTTOCENTO E NELLA SPIRITUALITA' DEL CANONICO MIGLIACCIO.

Partirà il 3 maggio prossimo, con l'inaugurazione ufficiale alle 10.00, il "Maggio dei Musei" a Qualiano che avrà durata quindicinale per concludersi il 17 maggio. La Pro Loco Qualiano Gaudianum, nell'ambito di iniziative che tendono a valorizzare le risorse del territorio,  offre alle scuole e ai cittadini un viaggio nella 'Nostra Storia' con l'apertura al pubblico di un polo museale che rappresenta una sfida e al tempo stesso un primo passo verso progetti ben più ambiziosi. Per la prima volta si avrà l'occasione di visitare contemporaneamente il "Museo Ferdinando II delle Due Sicilie" e le stanze - museo del fondatore della Congregazione delle Discepole di S.Teresa del Bambino Gesù, Canonico Antonio Migliaccio di cui quest'anno ricorrono i 70 anni della morte. L'iniziativa, curata in collaborazione con il Museo Ferdinando II., sarà un'occasione più unica che rara per visionare oggetti e documenti di valore assoluto. La mostra, che permetterà di visitare stanze e luoghi di alta suggestione, è aperta a tutti, a cittadini, a semplici curiosi, a chi è appassionato di storia patria, a chi vuole saperne di più sulle nostre origini, a chi studia o ha studiato la Storia che va dal 1700 al 1900. Tutto quanto sarà esposto, infatti, copre tre secoli di civiltà, si va dagli oggetti in uso nel Sud Italia tra la fine del 700 e l'800, nel periodo napoleonico, in quello dei Borbone fino ad arrivare alla spiritualità delle suppellettili e delle cose appartenute al Migliaccio. Ci sono radici comuni in queste due mostre parallele. Radici che ben si sposano tra loro poichè gli oggetti ed i documenti che sono appartenuti al Regno delle Due Sicilie fanno il paio con colui che ha dato importanza alla nostra città nel mondo intero, il Canonico Antonio Migliaccio. Ci sarà, quindi, un affascinante viaggio tra documenti storici ( c'è perfino quello, firmato dal Re, della divisione di Qualiano da Panicocoli ), mobili, suppellettili ed abiti d'epoca, attrezzi da lavoro, monili, libri, porcellane, fotografie, monete, collane, anelli, effetti personali, gioielli e tanto altro ancora.  Dopo essere passati per il pianterreno i visitatori, accompagnati a gruppi, saliranno al secondo piano dell'edificio dove sarà possibile ammirare la stanza-museo, riordinata e con tutti gli oggetti disponibili in bella mostra, del Canonico. Si potranno vedere il letto,gli abiti, le sedie, la macchina da scrivere, il bastone dei suoi ultimi anni di vita, i cappelli, gli indumenti più intimi e perfino gli strumenti che il sacerdote usava per esorcizzare gli spiriti maligni ed i demoni delle possedute. Due mostre parallele che vi porteranno in un viaggio affascinante alla scoperta di come eravamo tra Storia e Religione. La mostra sarà inaugurata, alla presenza di autorità politiche, sociali e religiose, a cui non mancherà il supporto dell'A.N.U.U. e dell'Associazione Nazionale Carabinieri, domenica 3 maggio alle 10. Gli orari d'apertura sono: mer - gio - sab 9,30 - 12,00 e la domenica dalle ore 10 alle 12 e dalle 17 alle 19:30 presso Istituto discepole S. Teresa del Bambino Gesù in corso Campano 19 Qualiano (NA)

 

Diamo luce con la nostra fantasia

La Pro Loco Qualiano Gaudianum, nell'ambito delle iniziative promosse per le prossime festività natalizie sul territorio, già partite con i due concorsi nelle scuole primarie e medie inferiori, promuove e coinvolge i cittadini e le famiglie in un concorso denominato "Luci di Natale: Luci di Nataleaccendiamo la fantasia" aperto a tutti i residenti nel comune di Qualiano. Sarà una sorta di gara a colpi di luci  ed abbellimenti sui balconi, sulle facciate delle abitazioni, sulle finestre, nei giardini, nei cortili ed in tutti gli spazi condominiali per dare un senso di sana competitività alla già 'calda' atmosfera di festa e gioia che il Natale porta con sè.

La partecipazione è aperta a tutti, gratuita, ai residenti del comune di Qualiano, ma bisogna iscriversi al concorso compilando un modulo che può essere scaricato direttamente dal sito della Pro Loco ( www.prolocoqualiano.it ) o ritirato presso la sede in Piazza D'Annunzio 23 ( adiacenze circolo Federcaccia  e Chiesa di Santo Stefano ) dal 10 dicembre 2014 in orari serali. Anche il bando completo del concorso è scaricabile dal sito o si può ritirare in sede.

Il tema è di libera interpretazione e può essere personalizzato dalla fantasia di ogni 'partecipante' ( famiglia o gruppi di famiglie ) con decori floreali, oggetti della nostra tradizione natalizia e simboli della natività di ogni materiale, chiaramente non infiammabile e pericoloso. Ciò che si chiede, ovviamente, per poter valutare, è la presenza realizzazione di un accessorio luminoso che rende il tutto ben visibile e luminoso. Possono essere giochi e disegni di luci o qualsiasi fonte luminosa di qualunque colore e forma.

In Questi giorni, in un incessante tour de force, tutte le case di Qualiano saranno passate al setaccio ed esaminate da una apposita giuria, formata da fioristi, architetti, fotografi, giornalisti e rappresentanti delle istituzioni. Non sarà facile ma i tre addobbi più belli si contenderanno una sorta di ex aequo ed avranno la giusta visibilità sui siti e sui mass media. Nei giorni seguenti, tramite comunicati stampa, saranno resi noti i nomi delle  famiglie vincitrici che saranno premiate con targhe ricordo, oggettistica ed omaggi floreali. Ma la novità sarà un premio extra conferito alla foto più cliccata sulla Fan page di Facebook della Pro Loco dove i protagonisti saranno i cittadini che, con i loro 'mi piace', avranno il ruolo di giuria popolare, oggettiva ed insindacabile. Nel momento in cui avverrà la comunicazione dei vincitori ufficiali saranno date anche informazioni su giorno, luogo ed ora della premiazione che avverrà molto probabilmente in una location del centro cittadino

La Pro Loco Qualiano Gaudianum comunica, inoltre, che domenica prossima e quella successiva ( rispettivamente 14 e 21 dicembre ), sarà presente in Piazza D'Annunzio prima e in Piazza Rosselli poi dalle 10 di mattina alle 13,30 per aprire ufficialmente la campagna tesseramenti e per avere un primo, vero, contatto con chiunque voglia incoraggiare iniziative come queste e voglia apportare idee ed esperienze alla collettività qualianese. Per guardare al passato e tutto ciò che di buono ha fatto questa associazione, per dare una dignità al presente e per guardare al futuro con un pizzico di ottimismo.

SCARICA QUI

BANDO - MODULO DI CONCORSO

QUALIANO. Sala gremita, ieri sera, in Piazza D'Annunzio a Qualiano, per salutare la nascita della Pro Loco cittadina. Al tavolo di Inaugurazione Pro Loco Qualiano Gaudianumpresentazione il presidente Giuseppe Ricciardiello ha illustrato i progetti a breve e lungo termine della neonata associazione. “Siamo partiti con l'enciclopedia web Wikipedia - ha annunciato Ricciardiello- inserendo i nomi di alcune personalità storiche qualianesi come Monsignor Savarese, il Canonico Migliaccio e l'aviatore Sgariglia. Continueremo in questo senso perseguendo la mission insita all'associazione di promuovere la storia del territorio, le sue tradizioni religiose, civili ed enogastronomiche, facendo rete con le associazioni cittadine”. E proprio le associazioni hanno salutato positivamente la nascita della Pro Loco Qualiano Gaudianum. In sala presenti i componenti della Feder Caccia cittadina, presso la cui sede si è tenuta la conferenza stampa di inaugurazione; i comitati relativi ai culti religioso della Madonna dell'Arco e della Madonna del Carmine e la cittadinanza tutta accorsa per incontrare il nuovo direttivo del sodalizio qualianese. A dar rilievo alla collaborazione con le associazioni uno dei soci fondatori e già parte attiva delle passate Pro Loco, Carmine Ranucci che ha sottolineato “l'importanza della collaborazione continuata per garantire lo sviluppo delle idee atte a promuovere il territorio qualianese”. “Bisogna – ha detto Ranucci- proiettarsi al futuro mantenendo sempre uno sguardo al passato storico cittadino”. 

In quest'ottica ieri sono stati ricordati i 150 della fondazione del comune di Qualiano, festeggiati nel 1986. “Tra due anni- ha dichiarato il presidente Ricciardiello- si festeggeranno i 180 anni del comune di Qualiano ed è ancora vivo in noi il ricordo dei festeggiamenti dei 150 anni, con le numerose attività ed iniziative messe in campo dall'allora sindaco Stefano Morgera (presente in sala, ndr) con l'inno scritto per Qualiano dal maestro Giuseppe Corradino”. Ma la Pro Loco partirà a breve con diversi progetti messi già in campo. “Uscirà presto un bando di concorso- ha annunciato la vicepresidente Pro Loco, Alessandra Righi- per le scuole elementari cittadine in cui si chiederà ai bimbi di raccontarci della loro Qualiano, di quel che vorrebbero nel loro paese e delle loro idee per il cambiamento”. “Un altro progetto- ha spiegato lo storico qualianese, il prof Davide Morgera- riguarderà la targa da affiggere in via Camaldoli presso quella che fu l'abitazione del compianto Monsignor Savarese, ed una serie di quaderni storici cittadini in cui raccoglieremo quanto di nuovo stiamo scoprendo su Qualiano perché- ha chiosato Morgera- c'è ancora tanto da sapere, di storico, sul nostro comune”.

I saluti finali sono stati del primo cittadino Ludovico De Luca che ha “salutato positivamente la nascita della Pro Loco Qualiano Gaudianum, plaudendo “all'iniziativa dei soci fondatori ed al direttivo” ai quali ha “garantito sostegno fattivo per ogni iniziativa che vorranno mettere in campo atta a promuovere Qualiano”. Ai presenti tutti, prima di scoprire la targa dell'associazione, sita in Piazza D'Annunzio 23, è stata donata una foto raffigurante proprio il monumento ai caduti di Piazza D'Annunzio nel 1930. Nel brindisi finale il presidente Ricciardiello ha inoltre annunciato l'inizio ufficiale del tesseramento per affiliarsi alla neonata Pro Loco, con un costo annuale di 10 euro per gli iscritti dai 18 ai 25 anni e 20 euro per chi supera i 26 anni. Il tesseramento avverrà ogni sera, dalle 19, presso la sede Pro Loco Qualiano Gaudianum

Comunicato Stampa sul giornale di Napoli

Foto Internapoli Piazza G. D'Annunzio QualianoQUALIANO. Rinasce la pro loco, a Qualiano. Il nome dato all'associazione palesa sin da subito l'intento di dar vita ad un connubio tra vecchio e nuovo. Si chiamerà, infatti, Pro Loco Qualiano Gaudianum, dal nome che secondo le tradizioni storiche era della città in epoca romana, con i primi insediamenti. A presiedere l'associazione per il territorio, sarà un giovane, nominato dal comitato direttivo: Giuseppe Ricciardiello. Segretario organizzativo della Pro Loco Qualiano Gaudianum sarà Carmine Ranucci, con loro nel direttivo anche Luigi Palma. «Con il direttivo tutto e con la cittadinanza soprattutto- dice Ricciardiello- lavoreremo per mantenere vive le tradizioni qualianesi e recuperare l'immenso patrimonio storico cittadino». Con loro ci sarà l'ex presidente della storica pro loco cittadina degli anni '80, Giuseppe Davide. A comporre il direttivo dell'associazione ci saranno volti giovani e volti 'storici' della tradizione locale: due i vice presidenti: il professore e storico qualianese Davide Morgera e la giovane linguista Alessandra Righi. Segretario sarà il naturalista Antonio Russo, 28enne di Qualiano. Come tesoriere, invece, è stato nominato Nicola Gala, già sotto le luci dei riflettori come promotore dell'iniziativa atta ad incentivare il commercio qualianese.

Leggi tutto: Qualiano, rinasce la Pro Loco